STATUTO

 dell’ASSOCIAZIONE

“CIRCOLO CULTURALE PROLETARIO di GENOVA”

 

Articolo 1

E’ costituita la Associazione “Circolo Culturale Proletario di Genova”, senza fini di lucro, con sede, gentilmente concessa dall‘ACU, in via C.Cabella n. 6A cancello, in Genova. Della Associazione fanno l’Assemblea di tutti i soci, da convocarsi almeno una volta all’anno, il Comitato Direttivo eletto ogni tre anni con voto palese dell’Assemblea plenaria di tutti i soci a maggioranza assoluta dei voti dei soci intervenuti nell’Assemblea.

  

 

Articolo 2

Il Comitato Direttivo

Il Comitato Direttivo dell’Associazione “Circolo Culturale Proletario di Genova” è composto da tre membri : Il Presidente dell’Associazione, il Segretario della Associazione e il Tesoriere dell’Associazione. 

 

 

Articolo 3

Qualità di Socio

Per essere socio occorre:

a) ottenere il consenso dell’adesione da parte del Comitato Direttivo

b) Essere in regola con i pagamenti eventuali della tariffa di adesione fissati, anno per anno, dall’Assemblea plenaria annuale dei soci.

In difetto delle due condizioni sopra riportate non si può essere soci dell’Associazione.

I soci sono ammessi all’Assemblea con diritto di voto.

  

 

Articolo 4

Assemblea dei Soci

L’Assemblea dei soci dell’Associazione “Circolo Culturale Proletario di Genova” decide l’attività del Circolo con maggioranza di almeno i tre quarti dei voti dei soci intervenuti all’Assemblea.

 

  

Articolo 5

Il Presidente

Il Presidente dell’Associazione ha la facoltà di firmare a nome dell’Associazione “Circolo Culturale Proletario di Genova” tutti i contratti di ordinaria amministrazione (quali per esempio i contratti di locazione per locali dell’Associazione, contratti per box postali, ecc.) ed è il rappresentante legale dell’Associazione “Circolo Culturale Proletario di Genova”.

Il Presidente viene eletto ogni tre anni dai soci riuniti in Assemblea con maggioranza assoluta dei voti dei soci intervenuti all’Assemblea.

 

 

 Articolo 6

Il Segretario

Il Segretario, insieme al Tesoriere, ha il compito e la facoltà di indire l’Assemblea plenaria annuale dei soci, previo avviso con lettera raccomandata ovvero mediante comunicazione esposta all’interno dei locali della sede dall’Associazione, in via C.Cabella 6° cancello, a Genova, 15 giorni antecedenti la data della convocazione. Il Segretario ha il dovere di informare tutti i soci della corrente attività dell’Associazione e di dare conto nell’Assemblea plenaria annuale dell’operato dell’Associazione.

Il Segretario viene eletto ogni tre anni dai soci riuniti in Assemblea con maggioranza assoluta dei voti dei soci intervenuti all’Assemblea.

 

 

Articolo 7

Il Tesoriere

Il Tesoriere gestisce la cassa dell’Associazione e tiene costantemente aggiornato il rendiconto economico dell’Associazione.

Il Tesoriere  ha il dovere verso i soci di presentare il rendiconto economico dell’anno precedente nella Assemblea plenaria annuale di tutti i soci.

Il Tesoriere  ha il dovere di fornire, ogni qual volta un socio ne faccia richiesta, la situazione economica dell’Associazione. Il Tesoriere, insieme e congiuntamente al Segretario, ha il dovere e la facoltà di convocare l’Assemblea plenaria annuale dei soci, previo avviso con lettera raccomandata ovvero mediante comunicazione esposta all’interno dei locali della sede dall’Associazione, in via C.Cabella 6° cancello, a Genova, 15 giorni antecedenti la data della convocazione. Il Tesoriere  viene eletto ogni tre anni dai soci riuniti in Assemblea con maggioranza assoluta dei voti dei soci intervenuti all’Assemblea.

 

 

Articolo 8

I Probiviri

Il collegio dei Probiviri è costituito da 2 soci, che non ricoprono le cariche di Presidente, Segretario e Tesoriere, e sono eletti ogni cinque anni dalla Assemblea di tutti i soci con voto di maggioranza assoluta dei soci intervenuti all’Assemblea.

 

 

Articolo 9

Caso di decesso o rinuncia

In caso di decesso o rinuncia del Presidente, del Segretario, del Tesoriere , dei due Probiviri, l’Assemblea dei soci ha tempo un mese dalla data dell’avvenuto decesso o della rinuncia, avvenuta per lettera raccomandata inviata al Comitato Direttivo, per eleggere tra i suoi soci le cariche rimaste vacanti.

   

 

Articolo 10

Recesso del socio

Il socio può recedere dall’Associazione mediante lettera raccomandata di dimissioni indirizzata al Comitato Direttivo.

 

 

Articolo 11

Scioglimento dell’Associazione

L’Associazione “Circolo Culturale Proletario di Genova” può essere sciolta con il voto dei tre quarti dei soci riuniti in Assemblea Plenaria.

 

 

Articolo 12

Autofinanziamento

L’Associazione “Circolo Culturale Proletario di Genova” è assolutamente priva di fini di lucro. Le sue attività sono tutte autofinanziate :

a) tramite il contributo economico elargito in eguale misura annualmente da ciascun socio, la cui entità di detto contributo viene deciso, anno per anno, dall’Assemblea plenaria dei soci.

b) tramite ricavo netto della vendita di libri, opuscoli e stampati legalmente autoprodotti dai soci dell’Associazione stessa, la cui stampa e il cui contenuto sono approvati dall’Assemblea dei soci.

 

 

Redatto in Genova, li 15 Maggio 2001.