"Ad un Ministro dell'Interno come Salvini, che dovrebbe essere contento se l'arrestato fosse un mafioso, invece esulta per l'arresto del sindaco di Riace che, fedele alla Costituzione, ha cercato di risolvere politicamente il problema migratorio integrando nel tessuto economico e sociale gli immigrati presenti sul suo territorio, la gente ha risposto Sabato 6 Ottobre 2018, con una grande e pacifica manifestazione, che ha avuto un gran eco anche nei media internazionali. A questo governo xenofobo e razzista la mobilitazione di massa è la risposta più adeguata, per dimostrare che si può e ci si deve opporre alle sprezzanti politiche razziste, che si fanno beffe del dettato costituzionale, e che persone oneste e capaci come il sindaco di Riace non sono e non devono essere lasciate sole nella loro lotta per una società migliore, da cui sia bandito per sempre il razzismo e la xenofobia.

Circolo Culturale Proletario di Genova" 

 

 

 

A Riace un dolce Lucano e «la battaglia dell’accoglienza»

 

Andrea Fabozzi, Inviato a Riace (Rc), 07.10.2018, “Il Manifesto”

 

Calabria. In più di settemila da tutta Italia al corteo autoconvocato a sostegno del sindaco di Riace. I migranti un corteo nel corteo. E il paese va in gioioso tilt. Tante le bandiere di partito, senza gelosie né primogeniture. In piazza anche tanti sindaci della Locride

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07prima.jpg 

La manifestazione autoconvocata a Riace 

© Domenico Notaro - LaPresse

 

Non c’è un corteo, c’è l’occupazione allegra del paese dal primo pomeriggio a sera. Le strade di Riace sono troppo piccole, la voglia di gridare della comunità africana troppo grande, partono quando una lunga fila di pullman e auto blocca ancora l’accesso lungo la strada che viene dal mare.

Si sale a piedi. E salendo si sbatte contro uno spezzone che si è staccato in anticipo. Si scende e si torna su. Sfilano già da un po’ quando un megafono raggiunge la testa: «Tra pochi minuti cominciamo il corteo». Allora stanno già puntando in alto, verso l’ultima casa del paese. La casa del sindaco.

La grata che rinchiude Mimmo Lucano è una zanzariera, bucata.

Si affaccia mentre le strade intorno si riempiono, cade la prima pioggia e si alza il grido «Mimmo libero», i canti partigiani, lui si commuove.

Piange Mimmo Lucano, piange e mostra il pugno, cambia finestra e quest’altra non ha barriere, saluta, manda baci. La sua casa non ha balconi. Non è neanche la sua casa. È la casa del padre, Roberto, 92 anni, che apre uno spiraglio al primo piano: «È orgoglioso di suo figlio?». «E ci mancherebbe». Racconta di essere un vecchio maestro, «ma a mio figlio non sono mai riuscito a insegnare niente, ha sempre avuto la testa dura».

È anche una giornata di grandi vecchi, in mezzo alle ragazze e ai ragazzi che riempiono Riace, per la questura duemila ma non si sbaglia moltiplicando per tre.

In giacca di lana e cravatta rossa, si arrampica lungo i tornanti del paese Peppino Lavorato, ottant’anni, ex deputato comunista e sindaco per dieci anni di Rosarno, uno che ha combattuto miseria e malavita. «Questa giornata mi ricorda il 22 ottobre del 1972, quando per manifestare a Reggio Calabria contro i fascisti del “Boia chi molla” gli operai non si fecero fermare neanche dalle bombe sui treni». Ha le lacrime agli occhi, ma il suo ragionamento è limpido: «Alla destra Riace fa paura, qui va in crisi tutto il racconto basato sulla paura e sul rancore, Mimmo Lucano ha dimostrato che i poveri del mondo non sono una minaccia per i nostri poveri ma una grande forza per le nostre terre. Sono vecchio e molto preoccupato di quello che sta succedendo al nostro paese, ma una giornata come questa mi fa sperare nel fatto che la sinistra possa ritrovare le grandi battaglie ideali. E la battaglia del nostro tempo è questa, è la battaglia per l’accoglienza, è qui».

La manifestazione si prende il paese e anche il municipio. La sala del consiglio comunale è aperta per proteggersi dalla pioggia, ricaricare il cellulare, riposarsi un po’. Nell’ufficio del sindaco, quello con la scritta «I cittadini si ricevono sempre» si accampano i giornalisti.

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/castellina-riace-il-manifesto.jpg

foto di Silvio Messinetti

 

Nella piazza che doveva essere quella di partenza, in alto sul teatro all’aperto dove alla fine ci si raduna tutti, c’è un bar che arrostisce salsicce. Poco più in là c’è Luciana Castellina che saluta i compagni (e vende il manifesto), ci sono l’ex sindaco di Messina Renato Accorinti, il sindacalista Abubakhar Soumahoro, Adriano Sofri su una panchina, arriva anche Laura Boldrini.

La delegazione dei sindaci della locride è numerosa. Gioiosa Jonica, Roccella, Stignano. Sono partecipi dell’esperienza di accoglienza inventata da Lucano. Non tutti con la fascia tricolore, la indossano invece il sindaco di Cerveteri e il sindaco Michele Conia, primo cittadino di Cinquefrondi, cinquanta chilometri da qui: «Aspettavamo da tempo un’occasione del genere, una grande manifestazione di tutta la sinistra senza gelosie o primogeniture. Non si è capito bene chi l’ha convocata e questo certamente ha aiutato».

C’è anche l’assessore di Napoli Enrico Panini: «Le organizzazioni politiche sono sullo sfondo, pesa l’adesione di Arci e Cgil ma il grosso è autorganizzazione, è una sinistra che chiede di essere rappresentata».

La galleria

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07desk-fotodi-mimmo-denaro-256x192.jpg

 

 

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07desk-riace-presse-256x179.jpg

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07desk-riace-lp-8lapresse-171x256.jpg

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07desk-riace-ok-lapresse-256x195.jpg

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07desk-riace-la-presse-256x191.jpg

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07desk-riace-castellina-256x192.jpg

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07prima-256x171.jpg

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/07desk-riacelapresse-256x166.jpg

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/7ffc8ab9-8879-49bd-b1a9-48d396dcff55-riace-256x192.jpg

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/castellina-riace-il-manifesto-256x192.jpg

 

Le bandiere ci sono: Rifondazione, Potere al popolo (tante), Sinistra italiana. E poi Libera, Emergency.

 

https://static.ilmanifesto.it/2018/10/f69934ec-8895-446e-a52d-d50ec6927b09-riace.jpg

foto di Giulia Sbarigia

 

Ma soprattutto striscioni montati per l’occasione – c’è anche quello del nostro giornale, stampato in loco – e tutti chiedono libertà per il sindaco. La sua battaglia, ha scritto Forbes quando due anni fa lo ha messo tra i grandi leader del mondo (un posto sopra Melinda Gates), «has pitted him against the mafia and the state», gli ha messo contro la mafia e lo Stato.

Né le salite né la pioggia possono fermare la comunità africana, che canta per due ore, «Mimmo libero».

Sono a casa loro, sono loro ad accoglierti. «Benvenuti a Riace», dice Daniel Yaboah quando parla alla folla. È arrivato dal Ghana nove anni fa, dice che Salvini gli può anche togliere la cittadinanza italiana, «tanto io sono un cittadino di Riace». «Accusano Mimmo per la raccolta dei rifiuti, ma che ne sanno a Roma, questo paese prima delle cooperative e della raccolta differenziata era sporco e adesso è pulito, Roma non mi pare».

Kader Diabate invece non è più a Riace da tempo, ma è tornato dalla Puglia per raccontare che «quando sono arrivato a Riace avevo il fuoco nell’anima e solo Mimmo ha trovato il modo per ridarmi la pace». Dolce Lucano.