LA PROTERVIA DEI PADRONI NON HA LIMITI

 

Autostrade per l’Italia (Aspi) è il concessionario dei tratti di viabilità a pagamento interessati dalla tragedia che ha colpito la città di Genova lo scorso martedì quattordici agosto; che tipo di personaggi siano i gestori di questa società lo si può facilmente comprendere da un segnale che sembra assolutamente secondario, ma a ben vedere non lo è affatto.

Il successivo Sabato 18 agosto 2018, i responsabili di Aspi hanno annunciato l’azzeramento – a partire dal Lunedì seguente – del costo del pedaggio nel nodo genovese: una dichiarazione impegnativa data quasi in diretta mondiale, vista la quantità di mass media, non solo italiani, presenti alla conferenza stampa in questione.

La sorpresa, per i cittadini genovesi, è amara, in quanto le rassicurazioni dei vertici vengono totalmente disattese; il pedaggio è tutt’altro che azzerato: lo sarà, solamente in parte, a partire dalle ore 11:00 e soltanto a seguito della denuncia dell’emittente televisiva Primocanale, anche se non riguarderà - fino alla mattina successiva, quando la situazione cambierà sempre soltanto grazie alle segnalazioni della stessa emittente - gli utenti che partono o arrivano dal casello di Genova Est.

Si tratta di un piccolo particolare che però, aggiunto alla mancanza di rispetto verso le vittime della sciagura – troviamo sinceramente indegno che a nessuno dei vertici dell’Aspi sia venuto in mente di fare almeno delle scuse per l’accaduto – rende evidente il tratto qualificante del capitalismo.

Ai padroni non interessa assolutamente nulla della salute della popolazione: il loro unico interesse è quello di riempirsi le tasche, e pazienza se a rimetterci sono i cittadini, che sono considerati unicamente in quanto utenti che pagano per usufruire di un servizio che nemmeno viene erogato in condizioni di assoluta sicurezza.

 

Bosio (Al), 22 agosto 2018

 

Stefano Ghio - Proletari Comunisti Alessandria/Genova

 

http://pennatagliente.wordpress.com