LA PROVA DEFINITIVA DELLA NATURA REAZIONARIA DI RIFONDAZIONE

 

Il ventuno agosto scorso abbiamo pubblicato un post nel quale si celebrava il fraterno aiuto che le truppe del Patto di Varsavia diedero al governo legittimo della Repubblica Socialista di Cecoslovacchia nel reprimere il tentativo di colpo di Stato, guidato da Alexander Dubcek, in corso in quel momento.

Sono passati cinque mesi, e dobbiamo tornare sull’argomento: in questi giorni tutta la peggiore destra europea sta omaggiando la memoria di Jan Palach, lo studente praghese che si diede fuoco in piazza San Venceslao, esattamente cinquant’anni fa, divenendo il simbolo del più disgustoso anticomunismo.

Per festeggiare l’anniversario, i nazisti di Forza Nuova, dissimulati sotto la sigla Nomos-Terra e Identità, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Verona – si veda la manchette qui sotto – organizzano un concerto: una manifestazione certamente indecente, che è una vergogna che le istituzioni appoggino, ma c’è di peggio.

 

 

Un post – datato sedici gennaio, ore 23:29 – presente sulla pagina del Partito della Rifondazione Comunista su una nota rete sociale, mostra definitivamente la natura reazionaria ed ecumenica del partito che fu guidato da Paolo Ferrero, noto esponente della chiesa valdese: ecco cosa recita testualmente, corredato dalla fotografia del libretto di studio del soggetto.

«Rendiamo omaggio alla memoria #JanPalach, giovane “comunista e luterano”, sostenitore della #PrimaveradiPraga e del #socialismo dal volto umano di Dubcek. Il suo estremo sacrificio fu un atto di protesta contro l’invasione sovietica della Cecoslovacchia e l’aggressione americana al Vietnam. La strumentalizzazione da parte di anticomunisti, destre varie, persino fascisti e neonazisti è indecente. Jan Palach lottava per la libertà».

Crediamo che a questo punto non possano esserci più dubbi di sorta sulla natura ultrareazionaria della cricca rifondarola: troviamo indecente che esistano sedicenti “comunisti” che glorificano un personaggio, di chiunque si tratti, che viene trattato come un eroe dalla peggiore feccia italiana ed europea.

 

Bosio (Al), 19 gennaio 2019

 

Stefano Ghio - Proletari Comunisti Alessandria/Genova

 

http://pennatagliente.wordpress.com